mercoledì 18 maggio 2016

CANTINE PEPI - VINO EORE CON FAGOTTINI RIPIENI DI SALSICCIA



8 donne siciliane che hanno deciso di dedicare la loro vita al vino… non a berlo s’intende :) ma a produrlo! Immaginatele sveglie all’alba, scappare in Cantina, sporcarsi le mani e riuscire a far venire fuori dei prodotti che, di solito, vengono accostati al mondo maschile. Beh due uomini ad affiancare le 8 donne ci sono... ed ecco a voi chi sono



Io le ammiro e le apprezzo immensamente tanto! A partire da Rosa ed Erika (sua figlia) che da quattro generazioni ruotano intorno al commercio e distribuzione di vino e che dal 2000 hanno una vasta produzione di bottiglie grazie alle quali riescono ad esprimere l’amore per la loro terra. Qual è la loro regione? È la Sicilia, isola incantevole, piena di arte e cultura, di paesaggi stupendi e di ricette fantastiche cucinate con i prodotti siciliani di ottima qualità grazie al clima mite. I vini Pepi nascono a Mazzarone, nella zona di Licodea Eubea, tra le colline, lungo il corso del fiume Dirillo. Quaranta ettari di campagna, di terra ocra in cui si coltivano trenta ettari di vigne.
Per 6 settimane mi sentirete parlare di loro… 


Sì perché ho voluto mettermi alla prova e per sei settimane vi proporrò piatti che si abbineranno a sei loro vini
Vi parlerò di Matto, Ex, Salto, Agate, Signatura ed Eore ed incomincerò proprio da quest’ultimo
EORE - CERASUOLO DI VITTORIA DOCG
Una piccola scheda tecnica per gli appassionati e poi vi parlerò di una cosa che mi ha incuriosito molto.

È decisamente un’etichetta recente e proprio leggendo quest’ultima, e più precisamente il retro, che ho capito quanto sia bello saperne di più, conoscere anche i motivi che spingono un’azienda a dare un determinato nome ad un vino. L’etichetta dice testualmente:

Eore erano le feste in onore di Dionisio, il dio che prende, che vince ogni pudore. Colui che donò l’ebbrezza e insegnò la misura, il senso del limite, inebriarsi senza eccedere.
Ciò che racconta il mito lo indica, con un immagine fulminante, il rito dell’altalena, su e giù, in un dolce abbandono. Come il battito del cuore, l’alzarsi e abbassarsi delle maree, la crescita stagionale delle piante, le lunazioni. Va e viene il respiro, la vita è ritmo, sacra altalena di affetti e visioni, di prove e di incontri.
Non a caso, quindi, questo Cerasuolo di Vittoria si esprime attraverso una lavorazione separata del Nero d’Avola e del Frappato. Solo così, i due uvaggi potranno esprimere tutta la loro potenzialità e unirsi a nozze.

Sembra quasi un racconto vero? Bellissimo e coinvolgente. Ho voglia di saperne di più, di documentarmi; ho sempre amato entrare nel concetto di una azienda, di un prodotto, di una filosofia e magari, non si sa mai che riesca a trovare, dietro questa etichetta, qualche notizia sulle donne ai tempi dell’antica Grecia e sul loro ruolo, fondamentale anche allora come adesso.
Come avrete potuto notare dai dati tecnici, Eore o è costituito per il 60% da Nero d’Avola e per il 40% da Frappato. Un vino rosso, corposo e consistente che ben accompagna carni rosse, quelle più grasse quali salsiccia, costolette o bistecche. Si abbina però anche ad arrosti o formaggi stagionati e semistagionati.
Chi mi segue sa che in casa mia non deve mai mancare la salsiccia. È la carne che mangiamo di più in assoluto. Non ho pensato a nessun piatto elaborato o fine ma a dei semplicissimi FAGOTTINI, ricetta che ho letto tempo fa e che preparo quando so che viene a trovarci mio fratello. E' facile da preparare e succulento al palato; il gustoso vino EORE poi ripulirà il palato della parte unta e grassa della carne.
 FAGOTTINI RIPIENI DI SALSICCIA
Dosi per 4 crespelle:
2 uova, 100 gr di farina, 250 ml di latte ed un po’ di sale. 
Si prepara un composto con questi ingredienti, facendo attenzione a non formare grumi. In un padellino antiaderente, del diametro di circa 20 cm, si fa scaldare pochissimo olio e si versa la pastella, un mestolo alla volta. Si attende fino a quando la crespella non sarà dorata e la si cuoce per circa 20 secondi anche dall’altra parte.


Dosi per il ripieno:
400 gr di salsiccia, 1 cipolla, rosmarino, salvia, sale, pepe, olio e
Per decorare: 
circa 250 gr di pomodorini ciliegia ed un po' di erba cipollina
Preparazione:
in una padella si fa soffriggere la cipolla in 3 cucchiai di olio (non di più perché la salsiccia è grassa e tenderà a “sciogliersi”) Dopo aver sbriciolato un po’ a salsiccia la si versa nella padella insieme alla cipolla, salvia, rosmarino, sale e pepe. Si continua la cottura per circa 20/25 minuti con la padella chiusa dal coperchio.
A cottura ultimata, si toglie la salsiccia e nello stesso olio si versano i pomodorini precedentemente bucherellati con la forchetta e li si lascia cuocere per circa 8 minuti a fiamma media.

A quel punto non resterà che posizionare un po’ del composto al centro di ogni crespella e chiuderla con un filo di erba cipollina scottata. Intorno andrà sistemato qualche pomodoro ed il piatto sarà pronto per essere  servito!


 
Che ne pensate? Un vino così non accompagna egregiamente un piatto come quello che vi ho presentato?
Prima di salutarvi e rimandarvi alla settimana prossima per presentarvi un altro vino di Cantine Pepi vorrei invitare anche voi a far parte di un gruppo di persone che avrà la possibilità di conoscere meglio tutta la produzione dei loro vini. Cliccando QUI verrete reindirizzati ad una sorta di pagina segreta ed iscrivendovi usando il coupon provarepercredere potrete ricevere una raccolta di oltre 100 ricette da abbinare ai vini ed una guida ai borghi dimenticati della Sicilia Orientale, quelli scordati dal turismo ma ricchi di storia e curiosità…. Ovviamente tutto gratis e non vi è alcuna spesa da sostenere.
Vi lascio il link di CANTINE PEPI e vi invito a seguirli anche su FACEBOOK

12 commenti:

  1. Ciao cara! Ho appena scoperto il tuo blog e mi sono unita con piacere ai tuoi lettori fissi <3
    Ti aspetto da me :)

    RispondiElimina
  2. interessante il tuo abbinamento!!! questo vino ispira grandi ricette!!!

    RispondiElimina
  3. Che piatti sfizioso! Sei davvero bravissima, complimenti.
    Sarà buonissimo anche l'abbinamento, da provare.

    RispondiElimina
  4. Un piatto sicuramente delizioso abbinato ad un buon vino

    RispondiElimina
  5. Abbinamento perfetto... vino lodevole e piatto gustosissimo :-)

    RispondiElimina
  6. Bella l'idea dell'azienda, curiosa di assaporare il vino. Abbinamento semplice ma di gran gusto. Grazie :)

    RispondiElimina
  7. Waw chi Sa che buono poi io sono una Che mi piace il vino quindi complimenti

    RispondiElimina
  8. Io bevo poco ,ma io suocero adora vini anche una bella idea per regalare al lui,grazie per ottima recensione e stupenda ricetta ^_^ bravissima come sempre .

    RispondiElimina
  9. Al mio ragazzo piace tantissimo il vino e penso proprio che questo possa piacergli per come lo descrivi :) con piatto che hai cucinato credo che sia un ottimo abbinamento :)

    RispondiElimina
  10. un piatto delizioso che ti copierò sicuramente, anche qui la salsiccia va forte! ottimo l'abbinamento col vino, io ne bevo poco ma deve essere buono.

    RispondiElimina